> Trenino del Bernina + Trekking
> Islanda 2015 > approfondimento
> Eolie in barca a vela
Vai al Blog90° EST su VimeoChatt on Skype



Trenino del Bernina + Trekking fra laghi e ghiacciai
in compagnia di un geologo

Date a richiesta

Linee guida del viaggio
Il Trenino del Bernina
Richiedi altre informazioni
Sistemazioni
Quote individuali
Viaggi in Islanda 2015

Linee guida del viaggio
Il Trenino del Bernina da Tirano a St. Moritz rappresenta uno dei più insoliti e spettacolari
percorsi ferroviari al mondo. Da Tirano il trenino costeggia il lago di Poschiavo e risale la valle omonima attraversando foreste rigogliose di larici e abeti. Supera dislivelli notevoli attraversando viadotti e seguendo percorsi elicoidali, in alcuni casi in galleria. Raggiunto il crinale fra il versante valtellinese e quello engadinese in corrispondenza del Passo Bernina il treno scende dolcemente in Svizzera fino a St. Moritz. Una volta in quota i vagoni offrono vedute da togliere il fiato sui ghiacciai e sui laghi alpini nel gruppo montuoso del Bernina.
Giunti a St. Moritz, però, si resta spesso perplessi perchè gli scenari più emozionanti scorrono rapidamente attraverso i finestrini e si esauriscono in poche decine di minuti. Sarebbe bello potersi fermare nei punti più spettacolari e magari addentrarsi in quelle valli sostando per la notte in un albergo di montagna o in un rifugio accogliente. Si godrebbe di quella magica atmosfera per più tempo, senza i vincoli di orario imposti dal treno. Perchè allora non trasformare il più famoso itinerario ferroviario delle Alpi in un suggestivo viaggio per escursionisti senza fretta? Tre intere giornate per godersi lo spettacolo delle Alpi Retiche viste dai finestrini del Trenino del Bernina, ma anche tre splendide escursioni in compagnia di un geologo per non perdersi proprio nulla.
Abbiamo scelto tre itinerari a piedi, accessibili a chiunque abbia un minimo di abitudine a camminare, che permettono di muoversi lungo il tratto più spettacolare del percorso del Trenino del Bernina e nelle valli circostanti. Questo ambiente, oltre ad offrire scenari di grande bellezza, permette osservazioni molto interessanti sulla geologia delle Alpi, sulla dinamica dei ghiacciai e sull'evoluzione climatica.
Il classico percorso del "Trenino Rosso", diventa così l'occasione per un'immersione totale nell'atmosfera d'altri tempi della ferrovia retica e nella prorompente bellezza di queste montagne.  inizio pagina

Il Trenino del Bernina
La ferrovia Retica fu costruita nei primi anni del ventesimo secolo per permettere a turisti benestanti provenienti dall'Italia di varcare le Alpi e raggiungere St. Moritz. Da allora il Trenino non ha mai smesso di fare la spola fra Valtellina ed Engadina contribuendo a mantenere e rafforzare un legame emotivo fra due popolazioni comunque diverse per storia, lingua e tradizioni.
La ferrovia retica resta ancora oggi un'impresa ingegneristica senza eguali. Il treno riesce infatti a superare grandi dislivelli ed è in grado di operare 365 giorni all'anno, senza temere nevicate imponenti o gelidi inverni. Oltre ai turisti il treno del Bernina serve anche un piccolo popolo di lavoratori fronalieri e assicura un seppur modesto traffico merci. Qualunque sia il motivo che vi porta ad accomodarvi sui vagoni rossi e qualunque sia la stagione, il viaggio sul Trenino del Bernina è un'esperienza che lascia sempre il segno.
Oggi il "Trenino" è Patrimonio Mondiale Unesco.  inizio pagina

Sistemazioni
Abbiamo scelto due fra le più famose strutture ricettive della zona.
Lo storico Albergo Ospizio Bernina sorge in corrispondenza del Passo, a 2330 metri di altitudine. E' una costruzione austera, ma calda ed accogliente. La sua storia inizia nel 1862, quando viene avviato il progetto per la realizzazione di un ospizio dotato di alloggi e stalle per i cavalli. La sua fama cresce velocemente tanto da diventare luogo di villeggiatura per artisti famosi come Carducci. Oggi l'Albergo Ospizio Bernina mantiene intatte le suggestioni di quell'epoca offrendo però un servizio al passo con i tempi.
L'Hotel Roseggletscher, un caldo e ed accogliente albergo di alta montagna, sorge a 2000 metri di altitudine
in un'ampia e assolata radura al cospetto delle cime più alte del Gruppo del Bernina, proprio a metà della splendida Val Roseg. Nonostante sia raggiungibile solo a piedi, con gli sci e in carrozze trainate da cavalli l'Hotel Roseggletscher è aperto in ogni stagione e negli anni si è guadagnato una certa fama grazie alla qualità della sua cucina. Famoso fra gli escursionisti è il suo sontuoso buffet di dolci.  inizio pagina

Programma
Venerdì
Partenza da Tirano (ore 13.40) in carrozza di seconda classe con il Trenino Rosso della Ferrovia Retica. Saliamo in treno dai 450 metri di Tirano ai 2090 metri del belvedere dell’Alpe Grüm, al cospetto del Pizzo Palù (m. 3906). Accompagnati dal grandioso scenario dei “quattromila” del Pizzo Bernina raggiungiamo a piedi, in circa 2 ore, i 2330 m del Passo Bernina. Sistemazione presso lo storico Hotel Ospizio Bernina e, per chi desidera, breve escursione ai laghi Bianco e Nero per calcare la linea dello spartiacque fra il bacino del Po e quello del Danubio. Cena e pernottamento in albergo.

Sabato
Partiamo da Passo Bernina con il Trenino Rosso e arriviamo alla stazione di Morteratsch. Una facile passeggiata di un'ora ci porta ai piedi di uno dei ghiacciai più spettacolari e facilmente accessibili dell'intero arco alpino. Riprendiamo quindi il treno ed in pochi minuti siamo a Pontresina. Percorriamo a piedi un comodo itinerario di fondovalle che ci conduce in Val Roseg fino all'Hotel Roseggletscher. La Val Roseg, nel cuore del gruppo montuoso del Bernina, è una delle mete più spettacolari dell'intera Engadina. Cena e pernottamento all'Hotel Roseggletscher.

Domenica
Rientriamo a piedi a Pontresina, riprendiamo il trenino in direzione Tirano e ci fermiamo alla stazione di Cavaglia. Attraversiamo a piedi il "Giardino dei Ghiaccai", una foresta che conserva testimonianze interessanti e molto evidenti dell'attività dei ghiacciai nell'ultima grande glaciazione.
Terminata l'escursione rientriamo a Tirano in treno (ore 15.12).
Un Geologo, Guida Ambientale Escursionistica, segue il gruppo in ogni fase del viaggio.

inizio pagina


Quota individuale a richiesta

La quota comprende:
Trasferimenti ferroviari in carrozze di 2° classe.
Sistemazioni con trattamento di mezza pensione in camera doppia presso l'Ospizio Bernina e presso l'Hotel Roseggletscher.
Geologo accompagnatore per l'intera durata del viaggio
Polizza assicurativa bagaglio e spese mediche.
La quota non comprende:
I pranzi e quanto non espressamente indicato alla voce "La quota comprende".

inizio pagina












Pizzo Bernina









Val Morteratsch

SCRIVICI         INFO@90EST.IT       TELEFONO   02.70126346  -  349.2994059                  My status

I paradossi dello sviluppo: il progetto Karahnjukar
Il nostro documentario
Immagini
Referenze
Paolo Cortini - Tutti i diritti riservati