Aggiornamento: 16 maggio 2021

Viaggio in Islanda Covid-19

In questa pagina trovi informazioni relative alla possibilità di viaggiare in Islanda con 90° EST in relazione all’evoluzione dell’epidemia da Sars-CoV-2, alle regole di accesso al Paese, ai servizi che 90° EST offre ai propri viaggiatori per gestire efficacemente le procedure necessarie a muoversi serenamente in Islanda.
Due sono le priorità che abbiamo considerato.
1 – Offrire ai viaggiatori e al
nostro staff la più ampia garanzia di sicurezza. Le indicazioni contenute in questa pagina sono quindi “in divenire” in base all’evoluzione dell’epidemia e, conseguentemente, delle norme italiane ed internazionali.
2 – Ridurre al minimo fino ad azzerare il rischio di danno economico per i nostri viaggiatori nel caso in cui un viaggio sia annullato per ragioni legate direttamente o indirettamente all’epidemia da Covid-19.
In generale, le informazioni che seguono riguardano i cittadini residenti in Paesi SEE (Spazio Economico Europeo) e/o EFTA (Associazione europea di libero scambio). Sono quindi inclusi i cittadini residenti in Italia, Svizzera, San Marino e Città del Vaticano.
Pagina informativa ufficiale del Governo islandese

[Pagina in aggiornamento]

viaggio in islanda covid 19

Dalla fine di febbraio 2020 l’Islanda ha registrato due “ondate” di contagio da Sars-CoV-2, con una diffusione del virus decisamente inferiore rispetto agli altri Paesi europei. Conseguentemente, anche le restrizioni imposte alla popolazione sono sempre state meno severe che nel resto d’Europa. L’Islanda, sin dall’inizio della pandemia, è riuscita ad impedire la circolazione incontrollata del virus attraverso una strategia di test e tracciamento estremamente efficace. Qui i dati aggiornati in tempo reale.

Viaggio Islanda Covid

1/4 – Protocollo “Scacciapensieri”

Qui trovi le norme e le procedure di 90° EST a tutela della sicurezza di viaggiatori e staff. Queste disposizioni sono via via aggiornate in relazione alle norme nazionali ed internazionali sul movimento delle persone tra Italia e Islanda. Di volta in volta si applicano, quindi, le disposizioni più restrittive.
Per escludere (ragionevolmente) la possibilità di contagio all’interno dei nostri gruppi, ai viaggiatori e agli accompagnatori è richiesto un tampone molecolare negativo eseguito nei giorni immediatamente precedenti la partenza. Su tutto il territorio nazionale, 90° EST offre un servizio di prenotazione, esecuzione del test e ricezione dell’esito conforme a queste disposizioni, fruibile da parte di tutti i partecipanti che volessero approfittarne. Questa procedura è conforme a quanto il richiesto dal Governo islandese e potrà subire modifiche in relazione all’evoluzione della pandemia e alla progressione della copertura vaccinale.

Sì. 90° EST raccoglie la tua richiesta e, tramite una centrale operativa dedicata a tale procedura, fissa per te un appuntamento nella struttura autorizzata per te più comoda, tra le numerose presenti sul territorio nazionale.
L’esecuzione del test e la ricezione dell’esito avvengono nei tempi utili alla partenza e nel rispetto di quelli previsti dalla normativa islandese vigente.
Il costo dell’operazione viene addebitato sulla tua pratica, come un qualsiasi supplemento alla quota di partecipazione, senza alcun sovrapprezzo da parte di 90° EST.

Viaggio Islanda Covid

2/4 – Assicurazioni

La polizza assicurativa inclusa nella quota di partecipazione a tutti i viaggi di 90° EST prevede una copertura in caso di annullamento della prenotazione a causa di malattia o infortunio che impediscano al partecipante di prendere parte al viaggio. Lo stato di malattia derivante da contagio virale di Covid-19 non comporta eccezione e, alle condizioni di polizza, la copertura assicurativa tutela i nostri viaggiatori.

La polizza compresa nella quota di partecipazione prevede l’assistenza durante il viaggio a favore del partecipante che si trovasse in una situazione di difficoltà a seguito del verificarsi di un evento fortuito, oltre al rimborso delle spese mediche per prestazioni sanitarie, conseguenti a malattia o infortunio, da sostenersi in loco. Il contagio da Covid-19 non rientra tra le esclusioni, pertanto, nei limiti stabiliti in polizza, le coperture previste operano normalmente a tutela dell’assicurato.

Qualora il partecipante si trovasse a dover subire limitazioni in termini di fermo e/o quarantena per Covid-19 derivanti da disposizioni delle autorità locali, la polizza compresa nella quota di partecipazione prevede un indennizzo proporzionato al numero di giorni di viaggio non fruiti e il rimborso delle spese subite per le necessarie modifiche al piano di trasporti originariamente previsto dal programma. La garanzia opera anche a favore di chi risultasse vincolato da limitazioni ai propri spostamenti, sebbene non contagiato.
Sono inoltre previste diarie supplementari in caso di ricovero ospedaliero e indennità di convalescenza a favore di pazienti ricoverati in terapia intensiva.

Viaggio Islanda Covid

3/4 – Domande frequenti

♦ Fino al 31 maggio ogni cittadino che raggiunga l’Islanda dall’estero deve esibire il certificato di un tampone molecolare negativo eseguito nelle 72 ore precedenti l’ingresso nel Paese o un certificato valido internazionalmente che attesti il completamento dell’iter vaccinale o la guarigione da Covid-19.
Tutti i viaggiatori devono sottoporsi ad un tampone molecolare all’arrivo (in aeroporto o in un porto marittimo). Chi non dispone di un certificato valido internazionalmente che attesti il completamento dell’iter vaccinale o la guarigione da Covid-19 è tenuto a rispettare cinque giorni di quarantena in attesa di un secondo tampone eseguito il sesto giorno.

♦ Dall’1 giugno, i controlli alle frontiere islandesi dipenderanno dal codice colore del Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie.
Le attuali disposizioni rimarranno in vigore per i viaggiatori provenienti da paesi contrassegnati come rosso, mentre i passeggeri dei paesi arancioni e verdi saranno ammessi in Islanda con un test Covid-19 negativo svolto nei giorni immediatamente precedenti l’ingresso in Islanda e un singolo test al confine islandese, senza quarantena o secondo test. Dal 1° giugno queste disposizioni si applicano anche ai viaggiatori guariti da Covid-19 e ai viaggiatori vaccinati.
Chiunque entri in Islanda deve preregistrarsi compilando il modulo presente in questa pagina. La registrazione deve essere effettuata nelle le 72 ore che precedono l’ingresso nel Paese. Ogni visitatore è incoraggiato a scaricare l’applicazione Rakning C-19.

L’assicurazione di viaggio inclusa nella quota individuale di partecipazione copre le eventuali penali a carico del viaggiatore in seguito ad annullamento del viaggio per ragioni sanitarie documentabili, compreso lo stato di malattia da Covid-19. Nella malaugurata ipotesi che tu risulti positivo prima della partenza, fatti rilasciare conferma scritta della diagnosi e dell’impossibilità ad effettuare il viaggio da parte del tuo medico. Nel medesimo giorno comunicaci, via mail, la tua rinuncia. Le eventuali penali a tuo carico verranno rimborsate dalla Compagnia Assicuratrice secondo le condizioni di polizza.
Esempio. Scopri di essere positivo 20 giorni prima della partenza, quando hai già saldato l’intero importo, compresi i voli che hai acquistato tramite noi. Il recesso comunicato 20 giorni prima della partenza prevede una “penale di annullamento” pari al 10% dell’importo totale. Noi ti rimborsiamo il 90% di quanto hai versato, come previsto dal contratto di viaggio, la compagnia assicuratrice ti rimborsa il restante 10%, cioè la “penale di annullamento”, su cui applica una franchigia pari al 10% della penale stessa.

Dopo l’1 maggio il viaggiatore che venisse trovato positivo al controllo in aeroporto viene messo in quarantena e sottoposto ad accertamenti per verificare l’eventuale contagiosità. Se il viaggiatore, pur positivo, viene giudicato non contagioso (attraverso indagini ulteriori) può proseguire il viaggio.
Se il viaggiatore si dimostra potenzialmente contagioso viene messo in quarantena in una struttura idonea che può essere un albergo, una guesthouse o un alloggio appositamente predisposto e gestito dalla Croce Rossa.
Le eventuali spese che il viaggiatore dovesse sostenere (vitto, alloggio, spese sanitarie) sono coperte dal servizio sanitario islandese o dalla polizza assicurativa inclusa nella quota individuale di partecipazione al viaggio. Tutte le spese eventualmente necessarie per la modifica del piano dei trasporti (per esempio il cambiamento dei voli di rientro) sono coperte dalla medesima assicurazione di viaggio.
Il tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti la partenza, richiesto da 90° EST per tutti i viaggiatori e richiesto anche dal governo islandese, riduce al minimo questo rischio.

In questa circostanza potresti essere sottoposto ad accertamenti per escludere il contagio e ad un periodo quarantena. Le regole di 90° EST e le norme di ingresso in Islanda prevedono che ogni viaggiatore e ogni accompagnatore esegua un tampone* nei giorni immediatamente precedenti la partenza. Questa procedura riduce al minimo il rischio di viaggiare in prossimità di soggetti contagiosi. Le coperture assicurative incluse nella quota di partecipazione provvedono a rimborsarti, entro i massimali previsti dalla polizza, le eventuali spese di soggiorno e trasporto che ti trovassi a sostenere a causa delle necessarie variazioni sul programma di viaggio.
* 90° EST, a tua richiesta, offre un servizio di prenotazione, esecuzione del test e ricezione dell’esito conforme a queste disposizioni.

Lo stato di malattia di un familiare rende possibile l’attivazione della polizza assicurativa inclusa nella quota di partecipazione nel caso tu intenda annullare il viaggio. A differenza di altre, la nostra polizza non esclude la pandemia quale causa di malattia e, di conseguenza, devi solo sincerarti di disporre del relativo certificato medico attestante la diagnosi. Nel medesimo giorno comunicaci, via mail, la tua rinuncia: le eventuali penali a tuo carico verranno rimborsate dalla Compagnia Assicuratrice secondo le condizioni di polizza.
Esempio. Un tuo familiare scopre di essere positivo 10 giorni prima della partenza e tu decidi di non partire, quando hai già saldato l’intero importo, compresi i voli che hai acquistato tramite noi. Il recesso comunicato 10 giorni prima della partenza prevede una “penale di annullamento” pari al 50% dell’importo totale. Noi ti rimborsiamo il 50% di quanto hai versato, come previsto dal contratto di viaggio, la compagnia assicuratrice ti rimborsa il restante 50%, cioè la “penale di annullamento”, su cui applica una franchigia pari al 20% della penale stessa.

Le norme diramate dalle Autorità competenti che rendano impossibile intraprendere il viaggio rientrano tra le “cause di forza maggiore”, escluse dalla polizza assicurativa. 90° EST non applica penali, ma emette un voucher a tuo favore del valore pari all’intero importo versato, utilizzabile per qualsiasi nostro viaggio a cui tu vorrai partecipare in futuro. Qualora il voucher – comunque cedibile e frazionabile – non venisse utilizzato entro la sua scadenza, 90° EST propone al viaggiatore di rinnovarne la validità per altri 12 mesi, aumentandone il valore del 4% al momento del suo utilizzo in occasione di una successiva prenotazione. Viceversa, il voucher viene in ogni caso rimborsato integralmente per il suo valore originario.

Ogni viaggiatore può acquistare i biglietti aerei autonomamente o per nostro tramite. Nel secondo caso, il volo diventa parte del “pacchetto turistico” acquistato ed il suo valore, in caso di annullamento, risulta coperto dalle garanzie della polizza assicurativa inclusa nella quota di partecipazione. Al momento dell’acquisto del biglietto, 90° EST ti informa in relazione ai limiti contrattuali previsti dal vettore aereo in questione e ti suggerisce la soluzione più adeguata in termini di rapporto tra vincoli tariffari e costo del volo.

4/4 – Viaggi in Islanda in calendario nel 2021